ALL'ALDILA'DIQUA

ENGLISH | ITALIANO

un film documentario, prossimamente

"la bellezza delle immagini diventa il terribile sublime coloniale che diffonde buchi nel tempo"Iain Chambers – Autore di Migrancy, culture, identity (Routledge, 2008)
"un film in cui il racconto intimo, familiare, struggente, intriso del sentimento dell’attesa, della perdita, del sacrificio si riverbera in una memoria collettiva, viva, palpitante"Angela Tecce – Curatrice di War is Over? Arte e conflitti tra mito e contemporaneità
"a stunning immersion into the mediated and architectural archive of the disavowed colonial past of Italy"Tiziana Terranova – Autrice di Network Culture: Politics for the Information Age
"arazzi animati ... un lavoro minuzioso della sostanza delle memorie"Ottavia Salvador – Autrice di Morti senza Sepoltura e regista di Ogni Anima Muore

Sono passati 80 anni dall’inaugurazione del complesso espositivo monumentale dell'Altrove a Napoli, chiuso per guerra subito dopo. Una lettera di famiglia da inizio al viaggio alla ricerca di un nonno, scomparso oltremare, in quella guerra, nello stesso anno, a partire dalle rovine sepolte dalla vegetazione della Mostra D’Oltremare, archivio nascosto, alla luce del sole. Una missione spinta dalla meraviglia e dal desiderio, alle persistenti radici culturali del pensiero coloniale occidentale.

CREDITI


Reggia e Produzione: Alessandra Cianelli, Opher ThomsonSoggetto e Sceneggiatura: Alessandra CianelliFotografia, Montaggio, Suono: Opher ThomsonVoce: Alessandra CianelliRegistrazioni in Studio: Marco Messina

SPECIFICHE TECNICHE


A L L ' A L D I L A ' D I Q U AItalia 2020Lingua: ItalianoSottotitoli disponibili: Inglese30 min / HD / ColoreFormato di proiezione: DCP - 1:1.85, Stereo / HD File

DIRECTOR'S STATEMENT

Tutto nell'universo nasce dalla vibrazione, tutto, tutte, tutti siamo fatti di vibrazione, un suono non udibile che poi diventa suono. Prima il ritmo, poi il suono, poi le visioni e con le visioni le parole, fatte di suono, infine il significato. Quello che la mente cancella o altera della memoria riguarda il significato, la costruzione culturale e individuale di senso. Ma non si può cancellare o alterare la memoria del suono, impronta fisica di una vibrazione, esperienza che attiene al livello speciale della memoria emotiva, memoria del corpo.

Il viaggio del film e del progetto è cominciato più di 8 anni fa dal suono, prima da sola poi via via compagnia di altre/altri coraggiosi appassionati esploratori, tra cui Christopher Thomson, nel 2011 seguendo l’eco sono delle primavere arabe. Siamo partite/i per il perduto Paese delle terre d'Oltremare, senza mai attraversare il mare, in cerca di un nonno, scomparso in Cirenaica nel 1940, di cui restavano due lettere, per esplorare le ‘vestigia’ della coscienza coloniale, nascoste nella presenza fanta-esotica della Mostra delle Terre d’Oltremare, nel corpo metropolitano contemporaneo della città di Napoli. Intrecciando echi e suoni, oggetti e tracce, dotati del potere favoloso di aprire mondi nascosti, scomparsi o mai esistiti, ci siamo spesso persi nella nostra antichissima, amatissima città, scoprendo pezzi segreti di aldilà nell'aldiqua. Abbiamo percorso migliaia di chilometri su e giù, tra il tempo che fu (forse) e il tempo che (forse) sarà, alle radici del nostro sé coloniale.

Durante l’ultima tappa del viaggio con Christopher Thomson, abbiamo visto, toccato e sentito cose inaudite: abbiamo guardato, raccolto, prodotto souvenir e testimonianze, e ne abbiamo fatto un film. Quello che verremo veramente mostrare — partendo dalle mirabilia da noi raccolte — sono la potenza epifanica dello sguardo e la magia del suono delle parole. Questo sguardo e questi suoni, fattisi visioni e parole nel viaggio hanno la doppia potenza magica e ambivalente di illuminare, risuonare, aprire spazi e tempi infiniti: All’aldilà di qua.

Alessandra Cianelli, 4 Maggio 2020

ALESSANDRA CIANELLI, ricercatrice, artista, praticante culturale. La sua ricerca si sviluppa all’intersezione tra pratiche della memoria privata (archivi biografici) e collettiva, attraverso la produzione di opere video, audio, testi, performances, installazioni, lectures. Tra i progetti più recenti Il paese delle terre d’Oltremare (2012-2020), focalizzato sul complesso espositivo della Mostra (delle Terre) d’Oltremare nella città di Napoli e sull' Archivio (coloniale). E’ membro del Centro Studi Postcoloniali e di Genere, Università l’Orientale. Ha fondato dal 2014 Dormire, progetto di residenza informale a Napoli per pensatori, artisti, ricercatori e visionari.

una produzione DORMIRE FONDAZIONE


Contributi video, audio, fotografici dal progetto di ricerca artistica “Il paese delle terre d'oltremare” (2012-2020) di Alessandra Cianelli
Tratti da:
“Sulle spalle” (film, 2012)“Gli sguardi amorosi riaprono gli occhi dei dormienti chiusi dal passato insolente” (film, 2015)“Discorso sulla pratica della meraviglia e la necessità di un Archivio” (film, 2017) “The Land Of The Overseas Territories” (radio performance, 2017)
più info qui